Il primo sito italiano per vincere la timidezza online

Vincere la timidezza

Timidezza, vincere la timidezza, acquistare sicurezza

Che cos’è la timidezza?

che-cos-è-la-timidezza

Conosci il nostro stile: quando parliamo di timidezza siamo diretti e andiamo dritti al dunque senza tanti tecnicismi.

Semplicemente: la timidezza è una forma di non accettazione della propria identità.

Un timido infatti, non fa altro che ripetere a se stesso che così com’è non va bene.

Vorrebbe trasformarsi in una persona diversa, in una persona che ha tutto ciò che egli sente di non avere. Fra poco ti darò 4 suggerimenti per gestire la timidezza ma prima approfondiamo.

La lente attraverso la quale un timido vede la realtà che lo circonda, ha un tale potere deformante da fargli percepire che tutti sono più spigliati, più interessanti, più colti, più loquaci, più affascinanti, più… più… più… e ancora più… di lui.

E così che la persona timida vive una profonda discrepanza tra ciò che sente di essere e ciò che vorrebbe essere: l’Io reale e l’Io ideale sono separati da un gap, ai suoi occhi, incolmabile.

La timidezza è un problema reale per chi la vive.

Non va sottovalutata perché potrebbe trasformarsi in una catena in grado di bloccare la vita del timido, imprigionandolo in un mare di dubbi e paure.

Oggi voglio invitarti a ragionare su 4 idee antitimidezza che, nella loro semplicità, potrebbero aiutarti a osservare la tua timidezza da un’angolazione meno limitante per la tua vita.


1. Timido o no, vai bene così come sei

Non combattere ogni giorno contro la tua timidezza. Accettala e, soprattutto, accettati.

Questo è il primo passo da compiere per poterla superare. Ricordati anche che non devi dimostrare niente a nessuno!


2. Anche l’altro è oggetto di valutazione

Non relazionarti agli altri con il pensiero fisso di cosa essi troveranno di sbagliato in te: tu non sei sotto giudizio!

Non decidere a priori che la persona che hai davanti va bene per te (come amico/a o partner) lasciando a lei il potere di giudicare se le piaci o meno.

Pensa che tu e l’altra persona siete sullo stesso piano: entrambi dovete conoscervi e capire se potete essere “adatti” l’uno per l’altro. 

Riprenditi il tuo potere decisionale e riattiva la tua capacità di giudizio.


3. Sei timido? Osserva e ascolta!

Forse hai paura che, con un solo sguardo, chiunque possa cogliere la tua timidezza e i tuoi difetti, ti svelo un segreto…

… banale ma estremamente vero: nessuno ti guarda!

L’assenza di attenzione non è dovuta a tuoi difetti o mancanze bensì al fatto che ogni persona, quando esce di casa, pensa a vivere la propria giornata, a superare i propri problemi o a godersi le proprie gioie.

Ognuno vede i propri difetti come dei semafori rossi più che evidenti ma chi ci circonda ci vede nella nostra globalità senza una morbosa attenzione al dettaglio.

Questo piccolo segreto ci porta ad una conclusione fondamentale:

…per essere al meglio nelle relazioni devi concentrarti sull’altro… non su di te!


4. Tu sei i tuoi punti di forza

Una volta che hai smesso di “fare a pugni” con la tua timidezza chiediti chi sei.

Se ci pensi bene, probabilmente, fino ad oggi ti sei identificato con la tua timidezza.

Tu non sei timido!

Una parte di te lo è ma tutto il resto della tua persona dov’è finito?

Esercitati a tirare fuori i lati di te più nascosti che, molto

Cosi’ facendo l’abitudine ad essere timido” lascerà spazio alla buona abitudine di essere te stesso, con pregi e difetti. probabilmente, emergono quando fai qualcosa che ti piace molto o quando sei con una persona con la quale ti trovi a tuo agio.

La tua timidezza è solo un “pezzetto”: a volte può essere pervasivo ma, in altri momenti, può, addirittura, essere assente.

Prendi un foglio ed elenca tutti quelli che tu consideri essere i tuoi punti deboli poi, accanto ad essi, elenca tutti i tuoi punti di forza.

So che farai fatica ad elencare i punti di forza: questa è una delle cause e conseguenze della tua timidezza. Impegnati, ogni giorno (per almeno 30 giorni consecutivi), a trovare un punto di forza e una parte che ami di te da scrivere sul foglio.

Dott.ssa Valeria Mora
Psicologa, Counselor e Personal shopper
Dott.ssa Valeria Mora, psicologa

Category: Timidezza

Condividi questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.